Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Prenota Ora!

Verifica subito la disponibilità per il periodo di tuo interesse 

Read more...

Eventi 2013

Il festival internazionale dell’integrazione culturale festeggia questo speciale anniversario. L’evento - che promuove un confronto tra paesi dell’area euro-mediterranea e non solo..

Read more...

Le Nostre Camere

Le camere sono climatizzate, munite di TV con lettore Dvd/Dvx, sistema internet wi-fi (gratuito), frigo bar, cassetta di sicurezza, sveglia, scrittoio ed armadio, bagno con box doccia, asciugacapelli..

Read more...

macari

 

 

Il territorio di S. Vito Lo Capo può essere paragonato ad un anello in cui vi sono incastonate tre meravigliose perle preziose: San Vito, Macari e Castelluzzo, nessuna perla preziosa è uguale all'altra, lo stesso si può dire per queste località, tutte stupende ma nessuna uguale. Questo territorio ha la fortuna di essere compreso fra due riserve naturali,quella di Monte Cofano e dall'altro lato quella dello Zingaro che in qualche modo lo proteggono e lo rendono unico. Makari è compresa tra via di Grotta Perciata e Passo dei Monaci. Due torri d’avvistamento, proteggono il suo territorio, narrandoci storie di pirati barbareschi e giovani nobili siciliani, di rapimenti , di riscatti, di schiavitù e libertà, ma la sua storia ci conduce ad epoche lontane.

Nel territorio di Macari e nelle sue immediate vicinanze è possibile trovare delle grotte che indicano il luogo come insediamento del paleolitico superiore e del mesolitico.

 

 

 

Ma nel prosieguo della storia è “impossibile separare questa zona dall’antico “territorium” di Monte S. Giuliano che è un sito con un’eccezionale continuità di insediamento, sono stati rinvenuti materiali che riconducono alla prima metà del 1° millennio a. C., attraverso elementi connotanti la forte presenza punica che trasformò Erice in centro religioso ed emporium, fino alla conquista di Dorieo nel 510 a.C. , nuove fotointerpretazioni archeologiche hanno permesso infatti di i individuare in questa zona l’antica città di Eraclea di Sicilia, ipotesi che troverebbe conferma nelle indicazioni geografiche degli storici Greci e nella tipologia dei cocci ceramici rinvenuti in situ. Fondata da Dorieo nel 510 a.C., come tramandato da Erodoto, Tucidide e Diodoro Siculo, la città durò solo venticinque anni cioè fino al 480 a.C. prima di essere espugnata dal generale punico Malco e cambiare il proprio toponimo in Makara (Makari) che ancora resiste [Valentina Di Via Colli: ”Continuità insediativa dell’Ager Erycinus, Monumenti del passato in cerca di identità].

 

 

A conferma può essere ricordata la strada punica ben tracciata e identificata nei pressi di Custonaci e che arrivava certamente a queste Zone. La continuità è attestata, in quanto, questa strada, è ricalcata su quella romana, è segnata da cippi miliari da cui emerge chiara la figura della dea Tanit, e che riconducono all’identificazione di un tratto della via Valeria che andava da Lilybeo a Messina e di cui Custonaci era una Statio. In seguito il territorio trasse indiscutibile e precisa identità intorno al Santuario di San Vito come ci dicono le torri d’avvistamento e conoscenze tramandate che si muovono tra storia e leggenda. Insomma questo territorio costellato di Chiesette rupestri, grotte preistoriche, Santuari, Edicole Sacre resti di conventi e torri, ha vissuto tutte le fasi della storia, tutte le dominazioni, e di questa storia millenaria, immersi in un incantevole panorama, stupiti dall’improvviso e inatteso fiorire, tra le pietre, di un iris selvatico o di un sanguigno papavero, è possibile ritrovarne i segni.

Go to top